EVVIVA LE UNIFORMI SCOLASTICHE PER LE BIMBE DI NEELAMANGALA, BANGALORE, INDIA

 

Quando quest’anno abbiamo pensato al regalo solidale di Natale, subito davanti ai nostri occhi sono apparse le bimbe di Neelamangala. In questo luogo meraviglioso, ricco di vegetazione e di fiori, c’è questo piccolo orfanotrofio, un edificio isolato nel verde, dove vivono le bambine, tutte orfane. Neelamangala si trova poco lontano da Bangalore dove Apibimi odv ha un centro di sostegno a distanza nello studio, sia per bambini e bambine che vivono nella città e che quindi stanno con le loro famiglie, sia per queste bambine e ragazze che vivono nell’orfanotrofio.

Ciò che la vita ha tolto loro, l’affetto dei genitori, dei parenti o anche solo dei nonni, non si può immaginare quanto influisca sulla loro crescita. Ma in questa casa la loro vita è almeno un po’ più serena. Tra loro sono legatissime e le piccole sono curate dalle ragazzine più grandi. Ci sono anche sorelle e già questo le rende davvero unite. La loro vita in questo luogo è davvero una fortuna, anche se sembra una contraddizione. A Neelamangala hanno chi si prende cura di loro e con l’aiuto dei nostri soci hanno il sostegno nello studio. Sapete, le suore dicono che per loro l’ideale sarebbe frequentare le scuole in inglese, perchè già è difficile per le ragazzine che hanno i genitori trovare una sistemazione, figurarsi per loro! E così vorrebbero dare loro il meglio……

Davvero però non pensavamo di riuscire ad ottenere un risultato così! Abbiamo raccolto ben 1.200 Euro e la possibilità di acquistare tantissime uniformi, ben 48, sia per le piccoline che per le ragazze!

Per cui vi diciamo mille volte grazie, grazie per la vostra generosità!

Abbiamo capito anche questa volta che la missione di aiutare gli altri è davvero nel cuore di tutti i nostri soci.

Stella 

Io sono Stella, vivo a Bangalore in India, mio papà lavora al mercato della frutta e verdura e mia mamma cura la casa. Io e mia sorella Reetha abbiamo avuto la possibilità di studiare grazie al sostegno a distanza di due famiglie del Trentino. È difficile per la nostra cultura far studiare una bambina, si crede sia tempo perso perchè da grande starà in casa badare ai figli.

Invece attraverso il sostegno a distanza oggi con felicità ho raggiunto la laurea in economia e da poco sono stata assunta presso un’agenzia finanziaria. Tutto ciò grazie a chi ha creduto nelle mie capacità di bambina.

Così ora io e mia sorella Reetha, che si è appenda diplomata,  siamo l’orgoglio dei nostri genitori.

Felicièn

Il mio nome è Felicièn, ho 16 anni e vivo nella Maison St.Laurent a Kisangani da due anni. Quando ero ancora bambino mi piaceva giocare con gli amici, con mia sorella, e parlare con i miei genitori. Cambiò tutto quando i miei genitori decisero di divorziare. Mio papà si creò una nuova famiglia ed io venni mandato dalla zia Cécile. Lei era seguace di una setta che mi additò come sorcier, stregone. Un termine usato per indicare i bambini posseduti dal diavolo. Il ciarlatano da cui mi portarono però disse che io non ero posseduto, e mia zia fu obbligata a riprendermi in casa. Ma lei non mi voleva e mi mandò in strada, senza nulla.

Mi aggregai ad un gruppo di giovani del mercato centrale, zona strategica per rubare da mangiare. Finchè un giorno incontrari Bruno, che mi ofrii una mela e mi guardò sorridendo. Da tanto tempo nessuno faceva qualcosa di gentile per me. Venne anche i giorni successivi e imparai a fidarmi di lui, era un educatore della vicina Maison St. Laurent, una casa che accoglie bambini di strada e li aiuta a studiare. Gli chiesi se anch’io avessi potuto accedervi e lui mi prese per mano portandomi con sé.

Ero molto indietro con gli studi e ripresi dall’alfabetizzazione per arrivare poi all’Institut Maelle, la scuola più seria ed esigente della città. Porto ancora dentro un senso di gratidutine per quel dono che Bruno mi fece: la speranza. Mi sto ancora impegnando negli studi e da grande vorrei fare il sacerdote.

Kisangani – Repubblica Democratica del Congo

Reinserimento familiare di Kevin: Kevin ha 5 anni. E’ arrivato al centro S. Laurent quando aveva due anni.

Abbandonato dalla mamma che aveva trovato un nuovo marito il quale non voleva saperne di Kevin, il bambino è stato trovato in strada dal servizio sociale del centro S. Laurent. Accolto, protetto e curato per 3 anni, ha poi potuto ritrovare la serenità. Le nostre ricerche ci hanno permesso di ritrovare la famiglia, di accompagnare la mamma psicologicamente e di accompagnarla durante 7 mesi. Appoggiata da altri membri della famiglia, la mamma ha accettato con gioia di riprendere Kevin. Il centro s. Laurent continua a seguirla e ad incoraggiarla per questa nuova partenza con Kevin. La foto qui a fianco mostra la gioia della mamma e del figlio, gioia che è per tutti noi.

Assieme a voi auguriamo a mamma e figlio un buon anno 2021.

Kisangani 2 – Repubblica Democratica del Congo

Suor Enza da Kisangani : “Consegna della divisa scolastica agli allievi del Gruppo Espoire. Causa piogge torrenziali solo un piccolo gruppo si è presentato all’appuntamento. Stiamo terminando di pagare le rette scolastiche di ottobre, novembre e dicembre per alcune classi e gennaio, febbraio e marzo per altre. Speriamo di avere la disponibilità economica per permettere a tutti di completare l’anno scolastico.

Grazie del vostro sostegno. Suor Enza”

Maria

A dispetto dell’apparenza, Maria ha 22 anni e, grazie all’adozione a distanza, frequenta l’ultimo anno di Università di Pedagogia di Huè, inoltre collabora a titolo volontario già da alcuni anni al Percorso di Scolarizzazione che A.P.I.Bi.M.I. sostiene. Maria è nata a Tan Son da genitori poveri, il padre ha problemi di salute e può svolgere solo piccoli lavori saltuari, la madre è bidella presso la scuola locale. Hanno una piccola casa con un orto, qualche gallina e un maiale.

Fin da bambina Maria è stata inserita nel Percorso di Scolarizzazione di Huè, ha così potuto frequentare la scuola e studiare fino all’università. Per una migliore formazione, Maria sta frequentando un corso di inglese che in prospettiva le permetterà di comunicare direttamente con i partner del progetto di scolarizzazione essendo lei già diventata un punto di riferimento importante per tutta la comunità.

Call Now ButtonChiamaci!